Storia di un trasloco

Come sapete i traslochi sono stressanti, i traslochi sono fatica. Sono segni sul viso, capelli bianchi, gastriti.
Il trasloco è ansia, nervosismo, urla, sudore, capelli sporchi, capelli a terra, junk food, polvere.
Il trasloco è una delle maggiori cause di stress per una persona. E’ scienza. Matematica. Insomma è una cosa certa.
Ma andiamo per gradi: come prima cosa, si è costretti a quantificare la massa di roba contenuta negli armadi.
Ti dicono “Quanta roba hai?”
Non lo so quanta roba ho. Ma come posso quantificarla? E’ come dire “quanto bene vuoi ai tuoi genitori?”.
Allora, cominciamo a fare questo trasloco. Infiliamo più roba possibile negli scatoloni recuperati giorni prima al supermarket, portiamo la roba nell’ascensore (io abito o meglio abitavo in un appartamento al quinto piano). Oddio, la polvere. La schiena, il fiatone. La portinaia. Le manovre, la macchina. L’ansia.
Quante cose si posso accumulare in tutti questi anni?
Comincio a portare gli scatoloni nella casa nuova. Nel monolocale. Un piccolo monolocale, ma tant’è la mia nuova casa.
E’ piccolo, soppalcato. Ha delle scale talmente ripide che ogni volta che le scendo provo la stessa sensazione che provavo quando in barca mi facevano saltare sul pontile perchè non c’era la passerella.
Quella stessa sensazione di morte che si avvicina, di ossa rotte, di sangue. Ogni giorno io rischio la vita qua dentro.
Ma proseguendo per le fasi del trasloco c’è quel momento che pensiamo “ma chi me l’ha fatto fare!!”
Sono ormai le 8 di sera, tutto è traslocato, tutto è nuovo, si ricomincia da una nuova prospettiva, da una nuova vita. Domani conosceremo persone e situazioni nuove.
Il trasloco è finalmente terminato.

A cura di Ciesse Services, specialista in traslochi monza.

Perchè ci si rivolge ad un’ agenzia di investigazioni?

Diversi sono gli ambiti d’azione delle agenzie investigative che spaziano dall’ambito familiare all’ambito aziendale.
In ambito familiare, gli investigatori, vengono chiamati a raccogliere tutta la documentazione utile ai fini processuali circa l’addebito in caso di cause di separazione, ma anche per verificare casi in cui il proprio compagno o compagna siano dediti al gioco d’azzardo, oppure per verificare i comportamenti, giudicati strani dai genitori, dei propri figli al fine di verificare l’uso o meno di sostanze vietate dalla legge.
Per documentazione si intendono anche reportage fotografici e/o video che potranno esser raccolti anche a seguito di appostamenti o pedinamenti.
Difatti tali comportamenti, posti in essere da chi, munito delle certificazioni del caso, non costituiscono reato alcuno.
In ambito aziendale possono operare al fine di reperire tutte le informazioni utili all’azienda, in caso di nuove assunzioni, relative ai candidati all’assunzione, oppure verificare la veridicità circa gli stati di malattia e/o l’utilizzo dei permessi di cui alla legge 104/1992, o verificare comportamenti che i propri dipendenti possano porre in essere in danno all’azienda, tema principale delle investigazioni aziendali.
Ultima, ma non meno importante sfera d’azione sono le indagini che essi svolgono al fine di reperire informazioni sulle proprietà del soggetto moroso nei confronti dell’azienda per la quale l’investigatore opera al fine di recuperare quanto alla stessa spettante.
Le agenzie di investigazione devono aver la certificazione rilasciata dalla prefettura del luogo ove esse hanno sede.
L’investigatore dovrà mantenere il riserbo circa le operazioni da esso svolte e non potrà, al termine delle stesse, divulgare nomi e/o numeri di telefono né qualsivoglia dato sensibile in ossequio alla normativa sulla privacy.